Il kinesiologo si avvale della fitoterapia come strumento del benessere

Il Kinesiologo è un professionista che opera nel mantenimento ed al miglioramento del benessere, utilizzando il suo strumento principale ovvero il test muscolare praticato su tutti i muscoli del corpo: il test kinesiologico.

  • Il kinesiologo si avvale spesso della fitoterapia: un metodo di terapia naturale che include l’integrazione di piante curative triturare in crio-stasi (senza perdere così il loro importante effetto chimo-naturale), da assumere accompagnate da una detossinazione (disintossicazione epatica) del fegato, con l’obiettivo finale di cancellare ogni tipo di tossina dall’organismo, resettando tutti gli organi emuntori come pelle, sangue ed infine riducendo alla normalità i valori sanguigni errati.

    Questa Detox correlata dalla fitoterapia e dai relativi integratori fitoterapici possiede il singolare compito di eliminare ogni stato infiammatorio presente nell’organismo umano; ecco un spiegazione dettagliata della fitoterapia.

Gli operatori di medicina alternativa oppure olistica, cioè i kinesiologi, fanno una valutazione di congruenza tra i meccanismi propriocettivi ed il tono basale di muscoli volontari, con l’interazione del cliente in maniera individuale ed anche collettiva del sistema fisico, energetico, emozionale, toccando anche la parte “spirituale” (e mentale) della persona.

Questi operatori cercano di armonizzare la modalità di risposta di tutti i meccanismi propriocettivi dei muscoli, riuscendo a permettere al cliente una risposta adeguata all’obiettivo concordato all’inizio del processo di evoluzione e di guarigione.

Le tecniche utilizzate dal Kinesiologo sono molteplici; le principali sono maggiormente caratterizzate dalla disciplina della Kinesiologia sono:

  • stimolazione di punti riflessi
  • energetici
  • agopunturali in digitopressione
  • e propriocettivi

Gli esercizi e i metodi energetici del Kinesiologo

Si usano alcuni esercizi energetici e specifici per lo sviluppo e l’armonizzazione dell’integrazione emisferica, dell’apprendimento ma soprattutto del benessere; cercando anche l’utilizzo di impulsi della sfera energetica (colori, suoni, vibrazioni, etc.).

Trovando anche l’organizzazione delle emanazioni elettromagnetiche del corpo (chakra, otto tibetani etc ); consapevolezza delle situazioni che creano alterazioni emotive:

  • tecniche di ascolto e comunicazione
  • correzioni con contatto su punti specifici
  • affermazioni specifiche; dispersione di programmi assunti in passato
  • tecniche di rilassamento e di gestione dello stress
  • tecniche di visualizzazione creativa
  • educazione e consapevolezza nutrizionale anche attraverso l’uso di integratori alimentari e prodotti naturali (i fitoterapici), Il kinesiologo si avvale della fitoterapia.
  • stimolazioni manuali su parti specifiche di muscoli, punti di digito pressione e massaggio dei meridiani
  • tecniche manuali e di respirazione
  • tecniche idonee a migliorare la capacità della persona nel ripristinare l’integrità tra i vari sistemi
  • tecniche che sollecitano la capacità del sistema corpo/mente di ripristinare lo stato di equilibrio e sintonizzano la persona con le proprie risorse

La procedura di sviluppo di tutte queste tecniche sono verificate, monitorate e integrate con grande attenzione insieme a specifici protocolli applicati da tutte e le varie metodiche della Kinesiologia.

Applicazione delle tecniche della Kinesiologia

Per avere un’adeguata conoscenza dell’applicazione delle tecniche kinesiologiche, oltre allo studio delle scienze fondamentali come definite nell’area formativa culturale, è contemplato separatamente lo studio delle seguenti materie già dal primo livello con studi approfonditi.

  • Nel secondo livello: Medicina tradizionale Cinese (Approccio al benessere secondo la Tradizione Cinese), nutrizione, tecniche manuali che comprendono tecniche osteopatiche e chiropratiche, prodotti erboristici e fitonutrizionali, rimedi floreali.
  • Nel terzo livello: il kinesiologo assimila tutte le tecniche e correzioni di tipo emotivo come, le inversioni di tipo emotivo, il barometro comportamentale (tecnica adoperata anche nella scuola di neuroscienze).

Il kinesiologo oggi è una figura che per la maggior parte delle persone è pressoché sconosciuta rispetto ad altre.

Molte di queste figure utilizzano, per essere ancor più precisi, il test muscolare kinesiologico per interrogare il corpo sulla priorità o meno di svolgere delle manovre su alcune parti dell’organismo.

Il kinesiologo si avvale del test muscolare per avere lo strumento di indagine tra i più efficaci nelle medicine alternative o olistiche, per poter limitare al minimo possibile il margine di errore.

E’ uno strumento del tutto non invasivo che se viene usato in maniera professionale ed accuratamente, è in grado di darci davvero delle grandi risposte, su come migliorare lo stato di benessere, migliorare e ridurre le infiammazioni corporee, riuscire a trovare il miglior integratore di cui si ha bisogno e non per ultimo, trovare quali blocchi emotivi continuano a non farci cambiare il nostro stile di vita errato, cercando quindi di sbloccare le tensioni muscolari che degenerano in malessere cronicizzato.